Costituzione della Repubblica Italiana (stralcio)


La legislazione italiana è alquanto complessa e voluminosa, per non disperderci nei mille rivoli legislativi e per rendere sufficientemente comprensibili i principali “diritti del disabile stomizzato” le leggi che ci riguardano, volutamente sono state sintetizzate. Auspichiamo che la XII^ Commissione AA.SS. della Camera dei Deputati (Presidente l’On. Marida Bolognesi) e, la Commissione Igiene e Sanità del Senato della Repubblica (Presidente il Sen. Francesco Carella), quanto prima si adoperino per il varo del d.d.l. n.3826 a nostra tutela.
Iniziando dalla Costituzione della Repubblica Italiana (stralcio), i principali “diritti dello stomizzato” sono:

Articolo  2

La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità , e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

Articolo  3

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche e sociali.
E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana  (...).

Articolo  13

La libertà personale è inviolabile.
Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto motivato dall’autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge (...).

Articolo  32

La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.
Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge.
La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

Articolo 38

Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale.
I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria.
Gli inabili ed i minorati hanno diritto all’educazione e all’avviamento professionale. (...)
L’assistenza privata è libera.

Articolo 42

La proprietà è pubblica o privata. I beni economici appartengono allo Stato, ad enti o a privati.
La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti (...).

Fornitura delle protesi ed ausili

Sono regolamentate dal Ministero della Sanità (D.M. 27/08/99, n. 332) e sono di competenza delle regioni ed AUSL. Il regolamento del Ministero della Sanità salvaguarda le quantità delle protesi ottenibili e la libera scelta dell’ausilio protesico;
l’Azienda Unità Sanitaria Locale (Direttore generale) è responsabile “comunque” di quanto accade nella gestione delle forniture (sospensione della fornitura, burocrazia e mancata libera scelta);
per ottenere le protesi, lo stomizzato, subito dopo l’intervento chirurgico deve presentare l’istanza per l’accertamento dell’invalidità civile e la richiesta dell’eventuale riconoscimento dell’handicap (art. 3 comma 1, legge n.104/92);
subito dopo può recarsi all’Ufficio Riabilitativo e/o d’Igiene Pubblica e consegnare la documentazione per ottenere le protesi;
gli ausili tecnici per l’incontinenza debbono essere forniti al massimo entro cinque giorni lavorativi (D.M. Sanità n. 332/99 – in S.O.G.U. n. 227/99, pagina 185), la ventriera entro 30 giorni;
agli stomizzati neo-operati, a giudizio del medico prescrittore dell’AUSL, i quantitativi protesici possono essere aumentati, sino al 50%, per la durata massima di sei mesi. (D.M. Sanità n.332/99, in S.O.G.U. n. 227/99, pagina 160).
La fornitura protesica è completamente gratuita e l’incontinente stomizzato è libero di scegliersi l’ausilio protesico più confacente alla propria epidermide, igiene e sicurezza.

Documentazione per ottenere le protesi e gli ausili

  • modulo-richiesta compilato dal medico specialista A.U.S.L., Università, medico di famiglia e/o pediatra, da consegnare all’Ufficio riabilitativo e/o d’Igiene pubblica;
  • certificato di residenza in carta semplice e/o autocertificazione;
  • fotocopia verbale Commissione medica per l’accertamento dell’invalidità civile o certificazione medica relativa all’intervento chirurgico subito (art. 2, comma 1, lettera d), del D.M. Sanità del 27/08/99).

L’autocertificazione

Per gran parte dei certificati è sufficiente una semplice dichiarazione firmata dall’incontinente, che di fatto sostituisce certificati e atti notarile da presentare alla Pubblica Amministrazione;
ai soggetti privati la legge consente la facoltà o meno di accogliere l'autocertificazione;
l’autocertificazione è resa su appositi moduli predisposti dalla Pubblica Amministrazione e/o è possibile renderla anche su un comune foglio di carta. L’impiegato pubblico ufficiale ha il compito dovere di ricevere la dichiarazione. L’autenticazione va fatta dal dipendente competente a ricevere la documentazione, esibendo il documento originale senza obbligo di depositarlo presso l’Amministrazione. La copia così autenticata vale unicamente per quel particolare procedimento (es. partecipazione concorsi pubblici, documenti da consegnare all’A.U.S.L.);
i certificati rilasciati dalla Pubblica Amministrazione che attestano stati e fatti personali che non si modificano nel tempo hanno validità illimitata, gli altri certificati hanno validità semestrale;
le dichiarazioni sostitutive di certificazioni hanno la stessa validità temporale degli atti che sostituiscono;
l’autocertificazione può anche essere inviata via fax e, quando è possibile, via e/mail;
sono previste sanzioni per l’impiegato della Pubblica Amministrazione che non accetta l'autocertificazione o la dichiarazione sostitutiva;
il Ministero della Funzione Pubblica ha istituito un numero di fax (06 85982075) dove inviare segnalazioni ed inadempienze;
i cittadini che rilasciano dichiarazioni mendaci o utilizzano atti falsi, sono penalmente perseguibili (art. 26, legge n. 15/68 sull’autocertificazione)

La riabilitazione

 

E’ sancita dalla legge n. 833/78, ma per gli incontinenti non è mai stata applicata e rivendicata con forza, dai disabili stomizzati;
i Centri  Riabilitativi Enterostomali dell’A.I.STOM., di fatto, sono supplettivi al S.S.N., Regionale ed alle A.U.S.L., se non fosse per loro le conseguenze sarebbero state di “assoluta gravità”;
è di immediata evidenza l’importanza dei “Centri Riabilitativi Enterostomali” (CRE);
l’A.I.STOM. ha previsto la riabilitazione degli stomizzati, grazie al Disegno di Legge n. 3826.

Rapporti tra stomizzato e medico di famiglia (D.P.R. n. 484/96)

Il medico di famiglia è tenuto a fornire:

  • prescrizioni e certificazioni mediche “gratuite”;
  • visite ambulatoriali, domiciliari ed ospedaliere “gratuite”;
  • monitoraggio dello stato di salute in senso generale;
  • porre richieste motivate e collaborare con lo specialista dell’A.U.S.L.

Rapporti tra stomizzati e specialisti A.U.S.L. (D.P.R. n. 500/96)

  • Prescrizioni protesiche gratuite;
  • obbligo alle visite mediche specialistiche con pagamento ticket o gratuite (per patologia, reddito o invalidità del 100 %);
  • collaborazione col medico di famiglia e l’assistente sociale del comune interessato;
  • evitare il “rimpallo” tra un medico e l’altro.

Rapporti tra bambini stomizzati e pediatri (D.P.R. n. 613/96)

  • Prescrizioni e certificazioni mediche “gratuite”;
  • visite ambulatoriali e domiciliari “gratuite”;
  • monitoraggio dello stato di salute del bambino in connubbio con lo specialista A.U.S.L.

Suggerimenti per i genitori di bambini stomizzati

  • Le problematiche sono di non facile soluzione ed elevate sono le tensioni familiari connesse al problema;
  • spiegare ai piccoli la “temporanea diversità”;
  • il nucleo familiare “non deve mai commettere l’errore di isolarsi”;
  • il pediatra, l’assessorato ai servizi sociali, gli specialisti A.U.S.L. ed il mondo della scuola, per legge sono obbligati a prevedere “interventi mirati”;
  • i Centri Riabilitativi Enterostomali dell’A.I.STOM. debbono prestare maggiore attenzione verso le complesse problematiche dei piccoli stomizzati.

L’invalidità civile (D.P.R. n. 698/94)

Il suo riconoscimento consente di ottenere:

  • varie provvidenze economiche a seconda della percentuale d’invalità,reddito ed età (età inferiore ai 65 anni – invalidità civile dal 74 al 99% = reddito annuo di £ 6.894.550; invalidità civile del 100% = reddito annuo di £ 23.583.165; assegno mensile di invalidità = £ 401.380; indennità di accompagnamento = £ 808.130 = senza calcolo del reddito);
  • il riconoscimento dell’handicap con annessi vantaggi (legge n. 104/92);
  • l’iscrizione in apposite liste di categorie protette ed eventuale collocamento al lavoro (legge n. 68/99);
  • la fornitura delle protesi ed ausili;
  • l’eventuale accompagnamento (legge n. 18/80).

Urgenze nelle visite mediche

Il D.M. Tesoro n. 387/91, in caso d’urgenza prevede la possibilità di essere sottoposti a visita medica collegiale nel più breve tempo possibile (non oltre i 90 gg.):

  • all’istanza bisogna allegare una “dettagliata  e motivata” documentazione sanitaria probatoria;
  • la Commissione medica, entro e non oltre novanta giorni è tenuta a comunicare la data della visita ;
  • l’istante e/o un suo familiare, ove sussistano “documentate” esigenze fisico-sanitarie dovute alla mobilità ed al proprio stato di salute, possono richiedere la visita domiciliare.

L’accompagnamento

E' sancito unicamente per coloro che non sono in grado di svolgere gli atti quotidiani della vita ed abbisognano d’assistenza continua (qualsiasi reddito £ 808.130 mensili);

la maggioranza degli stomizzati non ne ha diritto poichè autosufficienti.

Farmaci e ticket

Sono sempre assoggettati a variazioni.

I farmaci si suddividono in quattro classi:

  1. essenziali (gratuiti);
  2. di rilevante interesse terapeutico (50%);
  3. a pagamento;
  4. per uso ospedaliero.

L’esenzione è ottenibile in virtù della patologia, percentuale di invalidità, reddito ed età.

Lavoro (Legge n. 68/99)

Il D.L. n. 469/97 consente l’apertura ai privati dell’Ufficio per il Collocamento al lavoro, la legge n. 196/97 introduce il lavoro interinale, la legge n. 68/99 sancisce le nuove norme per il diritto al lavoro ai disabili. Gli aventi diritto per legge devono essere sottoposti a visita medica collegiale (Commissione sancita dall’art.4, della legge n.104/92) e la Commissione Medica per l’accertamento dell’handicap deciderà la tipologia dei lavori che il disabile dotrà affrontare.

I disabili beneficiari sono:

  1. i disabili con una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%;
  2. le persone invalide del lavoro con invalidità superiore al 33%;
  3. le persone non vedenti o sordomute;
  4. le persone invalide civili di guerra e di servizio.

La quota dell’obbligo nell’assunzione degli invalidi è così suddiviso:

    1.  Azienda con  15/35  dipendenti = assunzione di   1    lavoratore disabile;
    2.           “         “    36/50         “        =         “         “    2    lavoratori disabili;
    3.           “         “    >  50          “        =         “         “ 7%  di lavoratori disabili.

L’accertamento delle condizioni che danno diritto ad accedere al sistema per l’inserimento lavorativo dei disabili (invalidi civili), è affettuato dalle Commissioni AUSL per l’accertamento dell’handicap, territorialmente competenti.

Per gli stomizzati il lavoro:
deve essere consono alla patologia;
deve evitare sforzi eccessivi e prolungati;
l’invalidità superiore  al 45%  consente l’iscrizione  in “specifico elenco provinciale e/o locale”;
l’invalidità superiore al  79%  consente una fiscalizzazione totale per otto anni;
l’invalidità compresa tra il  67 e 79% consente una fiscalizzazione del 50% per cinque anni;
una riduzione della capacità lavorativa del 50% consente un rimborso INPS forfettario, utilizzabile per la rimozione delle barriere architettoniche, adattamento posto i lavoro, apprestamento di tecnologie di telelavoro, adeguamento bagni, ecc. ecc..;
gli invalidi al 100% possono lavorare con le capacità residue (Circolare del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale 28/10/69, prot. 6/13966/A; Circolare del Ministero della Sanità  n. 3, dell’11/02/87).

Igiene,  salute  e  sicurezza  sul  posto  di  lavoro

Il D.P.R. n. 303/56 (Igiene sul lavoro), l’art. 9 della legge n. 300/70 (Statuto dei lavoratori), il D.L.
n. 626/94 (Sicurezza e salute sul lavoro) e successive modifiche, in sintesi stabiliscono:
le norme igieniche nei luoghi di lavoro;
le norme per la vivibilità ambientale e per la sicurezza nel lavoro;
ogni azienda ha il proprio rappresentante della sicurezza, cui fare “comunque” riferimento;
il datore lavoro deve  rendere accessibili  ai portatori di handicap i luoghi di lavoro, le porte, le docce, i gabinetti, ecc. ecc..

Provvidenze INPS

Sono previste per i lavoratori invalidi ed inabili (fondi speciali esclusi).

Esse forniscono:

  • l’assegno di invalidità;
  • la pensione di inabilità;

l’assegno mensile per l’assistenza personale e continuativa (riconosciuto unicamente a coloro che necessitano di assistenza continuativa e che si trovano nelle condizioni di non svolgere gli atti quotidiani della vita).
In presenza di redditi l’assegno d’invalidità è ridotto proporzionalmente all’entità dei redditi.

N.B.: coloro che per ragioni di inabilità totale sono obbligati ad andare in pensione prima del dovuto, ricevono da subito la pensione, calcolata sul massimo degli anni pensionabili (40 anni - legge n. 335/95).

Legge n. 104/92 (Legge quadro sull’handicap)

Il riconoscimento dell’handicap è effettuato da un’apposita Commissione medica, sancita dall’art. 4 della legge n. 104/92 (è obbligatoria la presenza di un chirurgo e/o urologo “esperto” nella riabilitazione enterostomale);
l’art. 3 assicura allo stomizzato il riconoscimento dell’handicap;
lo stomizzato acquisisce la “connotazione di gravità” (art. 3 comma 3) quando la sacca di raccolta è quasi satura e va necessariamente sostituita;
l’art. 33 consente di fruire: una e/o due ore e/o sei mezze giornate di permesso giornaliero e/o di tre giorni mensili retribuiti dall’I.N.P.S. (grazie ad apposito fondo ministeriale), ma senza il versamento dei contributi figurativi, utili ai fini pensionistici (tranne se il C.C.N.L. non prevede diversamente);
cura e riabilitazione (art. 7);
integrazione scolastica (art. 12/13/14/15/16/17);
integrazione lavorativa (art. 18/19/20/21/22);
eliminazione e superamento barriere architettoniche (art. 24);
mobilità e trasporti (art. 26/27/28);
riserva di alloggi (art. 31);
agevolazioni fiscali (art. 32).
Fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo scolastici
Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 agosto 1999, n. 320, è il regolamento attuativo dell’articolo 7 della Legge 23 dicembre 1998, n. 448, che concede la possibilità di ottenere la fornitura gratuita totale o parziale dei libri di testo scolastici, degli alunni che appartengono ai nuclei familiari con reddito totale (lorde), equivalente o inferiore ai trenta milioni di lire.  Dai trenta milioni si detraggono:
£ 2.500.000 qualora si è locatari e non si posseggono immobili nel comune di residenza, elevate a £ 3.500.000 se anche l’intero nucleo familiare non possiede immobili nel comune;
£ 1.000.000 per il secondo figlio, £ 1.500.000 per il terzo figlio e £ 2.000.000 per ciascuno dei figli successivi al terzo;
£ 2.000.000 per ciascun ulteriore componente il nucleo familiare a carico, detta cifra è elevata a £ 3.000.000 nel caso si tratti di un invalido totale;
£ 2.000.000 aggiuntivi alla cifra riferita ai figli, per ciascun figlio riconosciuto portatore di handicap, in connotazione di gravità (art. 3, comma 3, della Legge n. 104/92), o con una invalidità superiore al 66%. La stessa cifra si aggiunge nel caso uno dei genitori dell’alunno versa nella stessa situazione di handicap o di invalidità che determini l’impossibilità di produrre reddito (art.2, comma 3, lettera d).

Rapporti tra i contratti collettivi di lavoro e le leggi in materia di disabilità ed handicap

Gli stomizzati debbono esporre  le proprie esigenze e difficoltà ai “datori di lavoro” ed ai dirigenti sindacali, diversamente mai nulla otterranno dai rinnovi contrattuali di categoria;
le OO.SS. da alcuni anni prestano maggiore attenzione ai problemi socio-sanitari;
alcuni contratti di categoria prevedono ulteriori agevolazioni alle leggi in vigore (es.: versamento dei contributi previdenziali figurativi, per coloro che utilizzano l’art. 33, della legge n. 104/92), pertanto è utile documentarsi presso la propria organizzazione sindacale.

Diritto alla tutela della privacy (legge n. 675/96 e successive modifiche)

La legge sulla privacy ha fissato cinque principi, che necessariamente debbono essere rispettati:

  1. il principio della condotta, secondo cui i dati debbono essere trattati in modo lecito e con correttezza;
  2. il principio di finalità, secondo cui i dati devono essere raccolti e registrati per scopi predeterminati, espliciti e legittimi e, non utilizzati in altre operazioni di trattamento, incompatibili e non autorizzati;
  3. il principio  della qualità, per cui i dati devono essere esatti, aggiornati e non possono essere rimessi all’arbitrio del singolo titolare (responsabile del trattamento);
  4. il principio della pertinenza, secondo cui i dati debbono essere pertinenti, completi, non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti e trattati;
  5. il principio della conservazione e dell’oblio, che consacra la regola che i dati devono essere conservati in una forma che consenta l’identificazione dell’interessato, per un periodo non superiore a quello necessario agli scopi per cui essi sono stati raccolti e trattati.

La Pubblica Amministrazione può conservare e trattare dati personali (art.1, D.L. n. 135/99 – D.P.R. n. 318/99) nei seguenti casi:

  1. applicare la normativa in merito al collocamento obbligatorio per l’assunzione delle categorie protette;
  2. garantire le pari-opportunità;
  3. nel trattamento dei dati personali è d’obbligo la parola chiave (DPR n. 318/99);
  4. accertare gli obblighi fiscali e contributivi;
  5. adempiere ai compiti di igiene e sicurezza sui luogo di lavoro;
  6. applicare, da parte degli enti previdenziali, la normativa previdenziale ed assistenziale;
  7. svolgere l’attività di indagine ed ispezione presso soggetti pubblici;
  8. accertare l’handicap ed assicurare la funzionalità dei servizi terapeutici-riabilitativi;
  9. assicurare adeguata informazione alla famiglia della persona handicappata;
  10. curare l’integrazione sociale, l’educazione, l’istruzione ed il collocamento obbligatorio del portatore di handicap;
  11. realizzare le comunità-alloggio e centri socio-riabilitativi, in favore dei portatori di handicap.

I dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale sono conservati separatamente da ogni altro dato personale trattato. Essi, comunque, vanno trattati con tecniche di cifratura o mediante l’utilizzo di appositi codici identificativi. Dalla Pubblica Amministrazione è permessa l’identificazione, unicamente in casi di documentata necessità (art.3, D.L. n. 135/99, in G.U. n.113/99) ed intervento della magistratura.
L’identificazione dell’interessato e l’accesso alle diverse tipologie di dati, è consentito unicamente agli incaricati del trattamento e con la parola chiave.

I diritti religiosi e spirituali

Sono sanciti dagli artt. 7 ed 8 della Costituzione;

l'art. 38 della legge n. 833/78, prevede che presso ogni struttura di ricovero sia assicurata l'assistenza religiosa e che l’A.U.S.L. provvede all'ordinamento e servizio d’assistenza, in sintonia con gli ordini diocesani competenti.

Davanti al mistero della morte si rimane impotenti e vacillano tutte le certezze umane. La fede in Dio ristora ed affranca l'anima dell'ammalato, apportando spiritualmente e psichicamente notevoli benefici.

Stomizzati detenuti

L’art. 37 della legge n. 104/92, modificato dalla legge n. 66/96, prevedono la tutela del portatore di handicap:
ma in realtà gli stomizzati detenuti vivono in condizioni di grave disagio;
per gli stomizzati non esistono bagni attrezzati e privacy, in cui provvedere alla sostituzione delle sacche ed effettuare la pratica dell’irrigazione in tutta riservatezza.
la dieta non è applicata ai detenuti stomizzati.
Il difensore civico
(facoltativo - art. 8 legge n. 142/90)
Al difensore civico vanno denunciati:

  • i soprusi e/o dinieghi da parte della pubblica amministrazione;
  • le scortesie ed i ritardi burocratici.

Esonero cintura di sicurezza e contrassegno speciale

Previa autorizzazione, le leggi in vigore consentono:
l’esonero dall’utilizzo della cintura di sicurezza (D.M. Sanità 21/4/89 e  art.172 (a) del nuovo Codice della strada);
il rilascio da parte del sindaco del “contrassegno speciale” per coloro che hanno ridotte e/o impedite capacità di deambulazione;
il contrassegno speciale consente di ottenere il parcheggio riservato nei pressi del proprio alloggio e luogo di lavoro, previa richiesta al sindaco da parte della persona interessata e, nella seconda ipotesi, dal datore di lavoro;
in talune situazioni consente la cancellazione delle multe per divieto di sosta ed intralcio al traffico.

Le “Carte dei servizi”

In tema di sanità, previdenza ed assistenza, le “carte dei servizi” sanciscono che:
i servizi pubblici vengano erogati con continuità;
sia consentita la partecipazione diretta del cittadino e delle Associazioni che lo rappresentano;
chi presta i servizi deve informare gli utenti;
l’inosservanza è perseguibile con sanzioni amministrative e disciplinari a carico dei dirigenti e dipendenti preposti.

Esonero dal servizio di leva - avvicinamento

L’esonero dalla leva è previsto nei seguenti casi:

  • primogenito o figlio unico, dei quali uno affetto da infermità permanente ed insanabile;
  • figlio unico con genitore portatore di handicap con accompagnamento e/o non autosufficiente;
  • unico fratello convivente di handicappato non autosufficiente;
  • i portatori di handicap gravi hanno diritto alla visita medica di leva domiciliare;
  • coloro che sono responsabili e/o determinanti nella conduzione di imprese familiari;
  • coloro che tutelano l’integrità economica del nucleo familiare.

Ove mai non sia possibile ottenere l’esonero, è un diritto ottenere l’avvicinamento; all’istanza bisogna allegare una “valida” certificazione probatoria.